fbpx

Notte Europea dei Musei – al MuT si parla di inquinamento da plastica e buone pratiche.

Sabato 18 maggio a partire dalle ore 18:30, il MuT partecipa alla “Notte Europea dei Musei”. Con questo evento si concluderà la settimana dedicata alla riflessione e alla sensibilizzazione sulle problematiche dell’ecosistema marino con un incontro/dibattito dal titolo “Un mare di plastica. Esempi di buone pratiche e innovazione nel contrasto all’inquinamento marino da plastiche e microplastiche”.
La serata si aprirà alle 18:30 con la visita guidata al progetto fotografico di Ivano Piva “ap:arente’mente”.

Seguiranno a partire dalle 19:00 i lavori dell’incontro/dibattito “Un mare di plastica. Esempi di buone pratiche e innovazione nel contrasto all’inquinamento marino da plastiche e microplastiche”. Dopo i saluti di Rita Vallebella, sindaca di Stintino, interverranno Fabrizio Contìni, presidente di Absentia, con un intervento dal titolo “Youth Against Plastic: l’educazione non formale e i progetti Erasmus”; seguirà Maria Luisa Vallebella, referente locale Plastic Free, che descriverà le iniziative dell’associazione Plastic Free e il ruolo del volontariato nell’attività di sensibilizzazione ambientale; sarà poi la volta di Andrea Farina, co-founder della startup Relicta Bioplastics, con una relazione su “La produzione e le potenziali applicazioni della bioplastica idrosolubile derivante dagli scarti del pesce”; concluderà i lavori Rita Vallebella, sindaca di Stintino, che parlerà di “Stintino Comune Plastic Free”, condividendo con il pubblico l’esperienza della cerimonia dell’importante riconoscimento, conferito da Plastic free onlus, avvenuta a Montecitorio il 24 gennaio 2024. Seguirà il dibattito con il pubblico. L’incontro sarà moderato da Esmeralda Ughi, direttrice del MuT. La serata si concluderà con un momento conviviale.

L’evento è reso possibile dalla collaborazione tra MuT, Comune di Stintino, Pelagus società cooperativa sociale, Absentia, Centro Studi sulla Civiltà del Mare e per la valorizzazione del Golfo e del Parco dell’Asinara, Tramedarte, Organica Museo d’Arte Ambientale nel Parco del Limbara, Stintino Plastic Free, RelictaBioplastics e dai contributi del Banco di Sardegna e della Fondazione di Sardegna.