fbpx

Nani Tedeschi in mostra al Mut, Museo della Tonnara di Stintino

Nani TedeschiContinua la stagione espositiva del Mut, Museo della Tonnara di Stintino. La seconda mostra temporanea in programma, dal titolo Il mondo di Nani Tedeschi in 100 cartoline, sarà ospitata a partire dal 6 maggio e fino all’11 giugno, negli orari di apertura del museo.
L’esposizione, curata da Paolo Greco e Silvia De Franceschi, vuole rendere conto del percorso artistico di Nani Tedeschi, pittore e disegnatore emiliano, che nell’arco della sua carriera ha sperimentato differenti forme espressive e toccato diverse tematiche.
Viene ricostruito lo studio dell’artista, con fotografie, articoli di giornale, bozzetti originali, e una piccola serie di quadri. Fulcro della mostra le cartoline, opere di piccole dimensioni, alcune in originale, altre in copia, che ben rendono conto del mondo di Tedeschi: si trovano le vedute del Po, quella Bassa reggiana dove è nato, le rocce della Sardegna, dov’è vissuto e che ha amato, boschi, animali di terra e di mare, e quei personaggi fantastici rubati alla letteratura, che si trovano a girovagare in luoghi dove non sono mai stati, come Don Chisciotte all’Asinara. Ci sono poi, volti noti, politici, artisti, e, immancabili, gli affetti famigliari.
«Questa mostra vuole essere un omaggio all’artista e all’uomo – sottolinea il direttore del Mut Salvatore Rubino -. Quello che mi lega a Nani Tedeschi ormai da molti anni non è solo un sentimento di amicizia, ma anche una profonda stima per il suo lavoro, intenso e poetico, e per la sua tenacia». Laureatosi in Medicina a Sassari, infatti, l’artista ha lasciato la carriera scientifica per percorrere i sentieri dell’arte. E oggi, quasi ottantenne, ancora vive e lavora a Reggio Emilia, dove è riconosciuto e apprezzato.

[written by Rossella Porcheddu]